DICHIARAZIONE DEI REDDITI: QUALI SPESE PER LA CASA SONO DETRAIBILI

DICHIARAZIONE DEI REDDITI: QUALI SPESE PER LA CASA SONO DETRAIBILI
Mentre il momento per presentare la dichiarazione dei redditi si avvicina, ci si chiede se non ci sia un modo per modificare il 730 precompilato e risparmiare sulle tasse. La risposta è sì, ma bisogna sapere come muoversi. Uno dei primi trucchi, ad esempio, può essere quello di dividere la detrazione con il proprio coniuge. E anche se si vive in affitto ci sono speranze per ottenere qualche sgravio in più.

Per chi ha comprato casa

Al momento dell’acquisto si riceverà una fattura da parte dell’agenzia e proprio su quella si può ricevere uno sconto del 19% fino a un massimo di mille euro di spesa. Per la casa di proprietà, inoltre, si può ottenere un’agevolazione sul mutuo anche per 4 mila euro di interessi versati nel corso dell’anno. Se poi si possiede la casa ma si ha un finanziamento aperto e il coniuge a carico, è possibile detrarre entrambe le voci. Il requisito fondamentale è però quello di vivere in quell’abitazione, nella quale bisogna essersi trasferiti entro 12 mesi dalla firma del contratto di vendita.

Per chi vive in affitto

Anche quando si ha un contratto di locazione si può accedere alle agevolazioni. È infatti prevista per chi ha un reddito fino a 31 mila euro e ha cambiato residenza per motivi di lavoro, e per chi ha meno di 30 anni e il reddito non supera i 15 mila euro.

I bonus

Sia l’ecobonus che il bonus verde sono agevolazioni previste per il 730. Il primo può ad esempio essere suddiviso con il coniuge o il coinquilino, ma è necessario inviare all’Enea i dati sui lavori di ristrutturazione almeno 90 giorni prima che questi finiscano. Mentre per il secondo è prevista un’aliquota al 36% per una spesa di massimo 5 mila euro che abbia coperto i costi di manutenzione straordinaria.

Le ristrutturazioni

In caso di lavori di ristrutturazione che prevedano un’agevolazione, capita che chi ha pagato si renda conto di non poter ottenere l’intera detrazione. Come per l’ecobonus, anche in questo caso è possibile dividere lo sconto in modo da non rischiare che una parte vada persa. L’importante è che la persona designata vivesse nella stessa abitazione al momento in cui sono stati svolti i lavori.

di Giulia Dallagiovanna

Dichiarazione dei redditi: quali spese per la casa sono detraibili

MI PIACE! Voglio condividerlo su:

Related Posts

Confrontare

Enter your keyword